Novità e Informazioni

La c.d. Riforma Lorenzin ha introdotto una nuova aggravante per il personale medico che commette abusi presso case di riposo nei confronti di persone anziane abusando della loro condizione di debolezza e di infermità

  • La c.d. Riforma Lorenzin ha introdotto una nuova aggravante per il personale medico che commette abusi presso case di riposo nei confronti di persone anziane abusando della loro condizione di debolezza e di infermità

    La legge n. 3 del 2018, detta anche Legge Lorenzin, dal nome del Ministro della Salute Beatrice Lorenzin firmataria del disegno di legge, è stata finalmente approvata in via definitiva lo scorso 22 dicembre, dopo un iter parlamentare durato quasi tutta la legislatura.

    La legge, pubblicata in Gazzetta Ufficiale il 31 gennaio, è intervenuta in particolare sul tema delle sperimentazioni cliniche e della medicina di genere, riformando altresì gli Ordini professionali sanitari e dando riconoscimento a nuove professioni, quali l’osteopatia e la chiropratica.

    La riforma è, inoltre, intervenuta in materia penale, introducendo pene più severe per l’abusivismo sanitario e contro chi commette abusi nelle strutture sanitarie per anziani e disabili.

    All’articolo 61 del codice penale, che disciplina le circostanze aggravanti comuni, è stato infatti aggiunto il comma 11 sexies, che aggrava i delitti non colposi commessi, in danno di persone ricoverate presso strutture sanitarie o presso strutture sociosanitarie residenziali o semiresidenziali, pubbliche o private, ovvero presso strutture socio-educative.

    A fronte di tanti medici, infermieri ed operatori socio-sanitari che svolgono encomiabilmente il proprio lavoro, ve ne sono altri che, purtroppo, abusando della condizioni di infermità, debolezza o della situazione di abbandono in cui versano spesso anziani e persone affette da gravi disabilità, commettono violenze ed abusi sugli stessi all’interno degli ospizi o delle strutture sanitarie o socio-educative ove queste persone sono ricoverate.

    Tali abusi, proprio in virtù della particolare fragilità e debolezza delle vittime, assumono maggiore gravità e meritano di essere puniti più severamente.

    Il legislatore ha dunque deciso di inasprire le pene per coloro che commettono reati in danno di anziani e disabili e, più in generale, di tutti coloro che si ritrovano a subire un ricovero, proprio al fine di disincentivare le condotte abusive e violente di parte del personale infermieristico, medico o ausiliario.